top of page

Commento di padre Luigi Maria Epicoco


Nella lunga fila di persone che aspettano di essere battezzate da Giovanni Battista si nasconde anche Gesù. Quando arriva il suo turno, John probabilmente interrompe il gesto automatico con cui immergeva le persone che gli si avvicinavano. Sente una resistenza, quasi una bestemmia nel fare lo stesso con Gesù. Giovanni Battista ha qualcosa di profetico nel suo DNA. L'ha sempre avuta, fin da quando, nel grembo della sua vecchia madre Elisabetta, iniziò a danzare quando sentì il saluto di Maria che entrava in casa. Giovanni è quello che più di tutti intuisce che Gesù è il Cristo. Ma nonostante questo, obbedisce all'apparente contraddizione che Gesù gli chiede di compiere: "𝐒𝐨𝐧𝐨 𝐢𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐡𝐨 𝐛𝐢𝐬𝐨𝐠𝐧𝐨 𝐝𝐢 𝐞𝐬𝐬𝐞𝐫𝐞 𝐛𝐚𝐭𝐭𝐞𝐳𝐳𝐚𝐭𝐨 𝐭𝐞, 𝐞 𝐭𝐮 𝐯𝐢𝐞𝐧𝐢 𝐦𝐞?". 𝐌𝐚 𝐆𝐞𝐬𝐮̀ 𝐠𝐥𝐢 𝐫𝐢𝐬𝐩𝐨𝐬𝐞: "𝐋𝐚𝐬𝐜𝐢𝐚 𝐟𝐚𝐫𝐞 𝐩𝐞𝐫 𝐨𝐫𝐚, 𝐩𝐞𝐫𝐜𝐡𝐞́ 𝐜𝐨𝐧𝐯𝐢𝐞𝐧𝐞 𝐜𝐡𝐞 𝐚𝐝𝐞𝐦𝐩𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐨𝐠𝐧𝐢 𝐠𝐢𝐮𝐬𝐭𝐢𝐳𝐢𝐚". 𝐀𝐥𝐥𝐨𝐫𝐚 𝐞𝐠𝐥𝐢 𝐥𝐨 𝐥𝐚𝐬𝐜𝐢𝐨̀ 𝐟𝐚𝐫𝐞.

Molte volte anche i nostri ragionamenti sembrano scontrarsi con ciò che il Signore ci chiede negli eventi che ci accadono, ma abbiamo due scelte: o fare di testa nostra o fidarci di Lui. Il cristianesimo consiste nel confidare in Gesù, che gradualmente allarga la nostra prospettiva e ci introduce in una nuova logica. 𝑩𝒊𝒔𝒐𝒈𝒏𝒂 𝒊𝒎𝒑𝒂𝒓𝒂𝒓𝒆 𝒂 𝒍𝒂𝒔𝒄𝒊𝒂𝒓𝒍𝒐 𝒇𝒂𝒓𝒆.



1 visualizzazione0 commenti
bottom of page